– Se non hai piacere che venga, non ti preoccupare.

Quanto ci avrebbe messo, mille vite fa, a rispondere? Un secondo? Dieci? E quanto tempo ci avrei messo io, a togliermi quell’espressione da film di serie b dal volto, leggendo “ti aspetto, vieni, vieni, vieni, vieni”. Invece adesso guardo lo schermo, il messaggio non sarà arrivato? Starà facendo altro, mettendo a posto un piatto sporco, pensando a come dire di no senza farmi troppo male, si starà cambiando per andare a letto, o starà leggendo un libro che non le ho consigliato io. E passano i minuti e diventa una delle mille vite e penso a quella volta che ci vedemmo a Milano tra una mia bugia e un suo treno. E camminavamo per le vie del centro, e un bar e un altro ancora, questo no, vieni qui, che ti frega, mica ti possono vedere, ma che caldo, ma che bella, che sei quando cammini e quando ti fermi, quando piove, ecco, adesso.
E poi un’altra vita e ti spoglio, ti voglio, ti guardo e ti annuso e quella sensazione dell’importa nulla del poi, che dopo i chiodi torneranno a sentirsi e Barabba di lato a parlare di oro, ma adesso no, la croce sa di pioggia e di fica e le parole sono come canditi da mangiare piano, e le parole sono come il fumo dalla sigaretta che brucia e tu la guardi col sapore di nicotina in fondo alla gola.
E la gente parla forte, di amore e di viaggi, mentre il messaggio non arriva. E sembrano piccoli lombrichi che si agitano in un cesto coperto di miele quando compiaciuti ricercano consenso. Consenso ricambiato per un pezzo di spago, da avvolgersi un regalo da aprire a Natale. La musica copre senza riuscire a nascondere, la musica avvolge, senza riuscire a guarire.
Così come non si rinasce mai, neanche se ci si reincarna in un pesce rosso, abbandonato in un sacchetto di plastica, davanti a una giostra in cui hai giocato senza pagare il biglietto, il messaggio arriva e le parole diventano prezzo.

17 pensieri riguardo “Non ti preoccupare

  1. Avrebbe potuto essere una bella poesia o racconto, con altre parole. Ma certe espressioni la rendono superlativa “le parole diventano prezzo” è semplicemente perfetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...