come


Guardando il cielo come una puttana in cerca di clienti,
in una notte di sciopero per mancata disgrazia, con la cassetta di legno da ardere ormai bagnata e senza scarpe per ballare il tip-tap.

Come la carne resa idea, nel sottobosco delle funzioni, quando la mano del prete si presta a un atto finalmente di bestemmia.

Come un cuscino senza federa in un albergo una stella, con taccole e sifilide per scortare la tua strada.

Come una croce sotto pelle per ricordare che nulla esiste se non quella carne, la carne di un cristo strappato al padre che non più crede.

Come un giacché scaricato nella tazza del cesso, trovato per caso nella bocca di un lupo che si credette uomo, guardandosi in uno specchio inerte al padrone.

Problema funzione, problema funzione.
Come la fine della Preghiera e l’inizio della Sentenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: